Category: Science

They say that history doesn’t repeat, but it rhymes.

They say that history doesn't repeat, but it rhymes.

Let's take a little trip down memory lane, examining the track records of three people who push Covid-19 vaccination and the Covid-19 hysteria.

👇👇👇

1. Gabriel Scally, 2010:

"I would strongly encourage you to take up the swine flu vaccination…

The best protection that you can have against swine flu is to be vaccinated…

In due course, the vaccine will be made available to the general public."

Six million people ended up taking Pandemrix in the UK.

Some doctors described the subsequent rise in narcolepsy as an epidemic.

It ended up being withdrawn after it was found to be unsafe.

https://www.buzzfeed.com/shaunlintern/these-nhs-staff-were-told-the-swine-flu-vaccine-was-safe

https://www.narcolepsy.org.uk/resources/pandemrix-narcolepsy

In relation to Covid-19 vaccinations, Scally has said:

“The safety processes have not been cut short on these vaccines, and I'm very, very confident about them.”

https://www.irishexaminer.com/news/arid-40129778.html

2. Tony Holohan, 2009:

Holohan said that Pandemrix had "a very good safety profile".

"He added that it was very important young people in at risk groups get vaccinated as quickly as possible."

Holohan: "We have no hesitation in recommending it."

https://www.irishtimes.com/news/authorities-insist-on-safety-of-vaccine-1.847977

A case against the HSE in relation to this was settled as recently as November.

The victim argued that "there was a failure to fully inform people of the risks associated with the vaccine, in particular its effect on children."

https://www.rte.ie/news/courts/2020/1104/1175953-vaccine-case/

3. Sam McConkey predicting swine flu, 2009:

‘‘Even if you erred on the side of caution and estimated that one million people got it, and that one in every 1,000 of those people were to die, it is like four jets going down in Dublin airport.”

https://www.irishcentral.com/news/ireland-braces-for-1-million-cases-of-swine-fle-51861752-237652931

"Most people appear to not be immune to the virus,” McConkey continued.

“…this influenza, while it is not particularly severe in many cases, does appear to be quite infectious.”

The eventual death toll in Ireland from swine flu was 27.

https://www.hse.ie/eng/health/immunisation/hcpinfo/othervaccines/swineflu2019.html

As Covid-19 arrived in Ireland, McConkey suggested that the death toll could be 80,000 to 120,000.

This was as bad as his swine flu prediction, being off by a factor of 40x (using the fabricated Covid death numbers – he's even more wrong than this).

McConkey is on the Board of the European Vaccine Initiative.

EVI is funded by CEPI, which in turn is funded by Wellcome, Bill Gates and World Economic Forum.

The links are all very obvious after a while:

https://www.euvaccine.eu/board-of-directors

https://cepi.net/about/whoweare/

People are entitled to get things wrong. Of course, nobody can get everything right.

But if someone's track record includes whipping up hysteria or pushing a hastily-manufactured vaccine, and they are doing it again – why trust them this time?

END

Originally tweeted by Graham Neary (@GrahamNeary) on February 8, 2021.

IJERPH | Free Full-Text | COVID-19 and the Political Economy of Mass Hysteria | HTML

In this article, we aim to develop a political economy of mass hysteria. Using the background of COVID-19, we study past mass hysteria. Negative information which is spread through mass media repetitively can affect public health negatively in the form of nocebo effects and mass hysteria. We argue that mass and digital media in connection with the state may have had adverse consequences during the COVID-19 crisis. The resulting collective hysteria may have contributed to policy errors by governments not in line with health recommendations. While mass hysteria can occur in societies with a minimal state, we show that there exist certain self-corrective mechanisms and limits to the harm inflicted, such as sacrosanct private property rights. However, mass hysteria can be exacerbated and self-reinforcing when the negative information comes from an authoritative source, when the media are politicized, and social networks make the negative information omnipresent. We conclude that the negative long-term effects of mass hysteria are exacerbated by the size of the state.
— Read on www.mdpi.com/1660-4601/18/4/1376/htm

Nick Hudson: lockdowns are not science and they were never planned for

A quick summary thread on where we are:

1. Public health guidelines, in the WHO's case, refreshed in late 2019, ruled out lockdowns & most of the mandated NPIs being deployed.

2. The guidelines were trashed on the Chinese say-so, relayed by WHO's Bob Aylward, without evidence.

3. Overwhelmingly, the data tell us that lockdowns don't save lives.

4. Claims about lockdown efficacy have pretty much retreated to the domain of some hand-waving about NZ and Aus, despite the fact that they just happen to be the ones locking down amid a vast sea of zilch.

5. The idea that it is the epidemic, not the lockdowns, that caused the insane level of damage we have witnessed, which will surely lead to death way beyond what Covid has delivered, doesn't stack up against the '57-'58 flu impact, or common sense.

6. The damage is exacerbated by an unprecedented shift in wealth & income from the poor to the rich.

7. Good models teach us that lockdowns are expected to shift disease burden to the vulnerable, encourage tricky variants and keep us in flux for longer than necessary.

8. Lockdowns & fear-mongering have been used to kill the democratic processes that would allow the vulnerable people abused by them to defenestrate their overlords, & the free speech that would allow them to talk about that.

9. Lockdowners have won a battle, but will lose a war.

Originally tweeted by Nick Hudson (@NickHudsonCT) on February 7, 2021.

Sharp Reductions in COVID-19 Case Fatalities and Excess Deaths in Peru in Close Time Conjunction, State-By-State, with Ivermectin Treatments

Evidence in favour of Ivermectin for treatment of Covid-19 keeps stacking up.

For the 24 states with early IVM treatment (and Lima), excess deaths dropped 59% (25%) at +30 days and 75% (25%) at +45 days after day of peak deaths. Case fatalities likewise dropped sharply in all states but Lima, yet six indices of Google-tracked community mobility rose over the same period. For nine states having mass distributions of IVM in a short timeframe through a national program, Mega-Operación Tayta (MOT), excess deaths at +30 days dropped by a population-weighted mean of 74%, each drop beginning within 11 day after MOT start. Extraneous causes of mortality reductions were ruled out. These sharp major reductions in COVID-19 mortality following IVM treatment thus occurred in each of Peru’s states, with such especially sharp reductions in close time conjunction with IVM treatments in each of the nine states of operation MOT. Its safety well established even at high doses, IVM is a compelling option for immediate, large scale national deployments as an interim measure and complement to pandemic control through vaccinations.

Sharp Reductions in COVID-19 Case Fatalities and Excess Deaths in Peru in Close Time Conjunction, State-By-State, with Ivermectin Treatments

ITA – Professore di Infermieristica e Vaccino Covid-19

Il prof. Festini ha deciso di non vaccinarsi. Per due motivi principali: uno, non c’è abbastanza tempo in 7 mesi per sperimentare qualsivoglia medicinale; e due, perché lui ha già avuto problemi gravi causati da vaccina influenzale, e quindi da allora non tocca più vaccini affini.

Su un secondo post Facebook, ormai rimosso perché mezzo mondo gli stava rispondendo, ha scritto:

“Una premessa per chi desidera riprendere questo post (che a differenza di quelli indebitamente pubblicati, lascerò pubblici) per commenti o per farci degli articoli. Mi fanno piacere tutte le critiche fondate e infondate ma non tollero insulti e sbeffeggiamenti alla mia persona. In particolare metto in guardia coloro che accosteranno il mio nome anche indirettamente ed in modo suggestivo ai termini NO-VAX, ANTI-VAX, NEGAZIONISTA ed altri di egual significato. Sono insulti sanguinosi alla mia onorabilità e chi li userà può già contare sulla mia querela. Chi ha usato quei termini per definirmi è ancora in tempo per modificarli.

Per chi ha letto gli articoletti di Bocci e Carratu’ sulla Repubblica -ripresi da altri giornali senxa chiedermi conferme o smentite- ed è curioso di avere informazioni che non siano state, diciamo così, “filtrate” dai due giornalisti.- Entrambi si sono dimenticati di dire che il principale motivo per cui io non farò il vaccino è perché nel 1995 ho avuto una patologia neurologica seria -fortunatamente risoltasi dopo circa 6 mesi- a seguito della vaccinazione antinfluenzale di quella stagione. I medici mi hanno detto di evitare vaccinazioni future. – Entrambi si sono “dimenticati” di dire che non mi hanno mai intervistato, che non ho rilasciato dichiarazioni pubbliche ma che hanno costruito gli articoli su dei post PRIVATI non destinati alla diffusione pubblica e che usavano perciò un linguaggio non accademico, confidenziale e presentando concetti complessi in modo molto semplificato ad uso degli amici.

Sono veramente costernato di questo modo di fare giornalismo- anche se a qualcuno piacerebbe bollarmi come negazionista, ahimè per loro, non lo sono. Se lo fossi, non si spiegherebbe perché da molti mesi eseguo come volontario i tamponi Covid a domicilio e presso uno dei drive-through della Toscana. io non ho espresso critiche contro “Il Vaccino”: ho richiamato l’attenzione su alcuni aspetti degni di attenzione su di “un” vaccino, utilizzando i dati ufficiali.

Tali dati indicano che mentre la riduzione relativa del rischio determinata da quello specifico vaccino è effettivamente del 95%, la riduzione assoluta del rischio è piccola, circa lo 0,8%. È la presentazione di questa ovvietà statistica che ha scatenato la caccia alle streghe, quasi che fosse un tabù da non nominare mai. Perché è piccola ? Proprio perché il rischio di partenza è già molto piccolo. E su questo dovremmo riflettere. Non sono l’unico in ambito accademico a pensarla così: https://blogs.bmj.com/…/peter-doshi-pfizer-and…/

Quando si assumono farmaci il bilancio costi/benefici va ponderato con estrema cura, specie quando si programma una somministrazione di massa.Nel caso attuale, forse per emotività, una discussione seria e approfondita su questo aspetto fondamentale non c’è stata, dando per scontato che i benefici siano talmente superiori ai costi (ovviamente intendo soprattutto costi in salute) che non valga la pena parlarne. Invece sarebbe opportuno.

Lo studio alla base del Comirnaty non è ancora terminato. Dei 44mila reclutati, solo 36600 hanno per ora completato le 2 somministrazioni previste dal protocollo. In altre parole, il vaccino è stato autorizzato all’uso sulla base dell’80% dei dati. Il 20% mancante -e che arriverà in seguito- ha la potenzialità di determinare un dato finale completamente diverso, ad esempio dimostrare l’inefficacia del trattamento. Il Comirnaty, quindi, è a tutti gli effetti ancora allo stato sperimentale. Quindi occorre prudenza.

La durata dell’osservazione sui soggetti sottoposti alla sperimentazione è insolitamente breve. Sia i soggetti vaccinati che quelli non vaccinati sono circa 18mila. L’osservazione complessiva di ciascun gruppo è stata di circa 2200 anni/paziente, equivalenti a 803mila giorni/paziente. Ogni paziente quindi è stato osservato in media per 45 giorni circa dopo l’inoculazione. Ne consegue che qualunque affermazione si faccia su questo vaccino (tossicità, effetti avversi, durata della copertura) non può oltrepassare l’orizzonte temporale di circa 45 giorni.

Non è stata valutata la tossicità su esseri umani (quello che di solito si fa nella fase 1) ma solo su ratti. La cancerogenicità invece non è stata valutata neppure sui ratti. Il vaccino non può essere somministrato a bambini sotto i 12 anni. Per i soggetti sopra i 75 anni d’età l’intervallo di confidenza statistica dell’efficacia va da -13% a 100%, cioè non è statisticamente significativo; questo significa che non è possibile affermare che sia efficace sugli ultra 75enni. Quindi, fino a prova contraria, deve essere considerato inefficace in quella fascia d’età. Nella fascia 64-75anni l’intervallo di confidenza è molto ampio (da 53% a 99,8%) e questo significa incertezza. Si ammette la possibilità che l’efficacia reale sia anche poco superiore al 50%. Solo nella fascia 16-64anni l’efficacia ha un intervallo accettabile. Ci si dovrebbe porre quindi la domanda se sia davvero conveniente un vaccino che non si può somministrare ai bambini, che non è efficace nei grandi anziani e che ha un’efficacia un po’ incerta nei 64-75enni.

Questo e questo soltanto è ciò che ho da dire. E se qualcuno trova quello che ho scritto una bestemmia da buttare al rogo, il problema è suo, non mio. Il dubbio, la critica, la messa in discussione continua sono l’essenza della Scienza, ciò che la fa progredire. Chi presenta la Scienza come una granitica Verità, si sbaglia; soprattutto nell’area biomedica, dove ogni affermazione deve essere sempre fatta in termini di probabilità, non di certezza.

Un’avvertenza a chi volesse riprendere le mie parole e farne un articolo: le critiche nel merito mi fanno piacere (se ho possibilità di replica), gli attacchi personali invece non li tollero. Ho la querela facile e i mezzi per portarne avanti quante ne servono.In particolare, riterrei particolarmente grave e insultante essere accostato in qualunque modo al termine negazionista.Perché l’unica cosa che nego è la buona fede, l’onestà intellettuale e l’obiettività di alcuni giornalisti.”